Indietro

Paris & London, viste da noi


Due volte all’ anno, cinque giorni intensi tra moda, ricerca, collezioni ed anteprime in una città che è diventata la nostra seconda casa, PARIGI.
Svegliarsi, aprire le finestre e rimanere incantati per un pò, questa è Parigi, e da qui ogni volta comincia la nostra avventura.
Seguiteci…..

parigi-etreconceptstore

Ogni volta che iniziamo la giornata camminando velocemente tra i vari quartieri di Parigi per i nostri appuntamenti con la settimana della moda, non c’ è un giorno nel quale, passando davanti ad uno dei numerosissimi negozi di fiori, ci fermiamo e facciamo un bel respiro profondo, aspirando l’ intensità del profumo di quei meravigliosi fiori che a Parigi hanno ancor più fascino.

DSCF5338
DSCF5429

E tra vecchio e nuovo, conosicuto e sconosciuto, passare davanti alla Pyramide du Louvre ha sempre quel fascino che ci porterebbe a rinchiuderci lì dentro una giornata intera!

Degno di nota, ma di visita soprattutto, al Carrousel du Louvre nella sezione “cadeaux, jeux et jouets” c’ è la boutique Delfonics, dove design giapponese e qualità sono un’ unica cosa e dove noi abbiamo fatto incetta di oggetti creativi di ogni tipo, perchè il motto di Delfonics è “Des articles de papeterie qui libèrent votre créativité”!!!!

Ricordatevi, “UNDER THE LOUVRE” Delfonics, Paris, Louvre.

DSCF5370
DSCF5366

E poi arriva l’ ora di pranzo e qui, a Parigi, si apre un mondo che solo le grandi capitali offrono!
Ve ne abbiamo già parlato nei nostri racconti parigini passati e per noi rimane uno di quei luoghi del cuore e punto di riferimento per una pausa di estrema dolcezza:  Le Loir dans la Théière, nel Marais.
A metà tra fiaba e realtà, tra ristorante e pasticceria, dove il brunch diventa poesia e le torte sono un non plus ultra, Le Loir dans la Théière ci riserva sempre sorprese, per non parlare della meringa al limone diventata per noi un “mai più senza”!
 
Le Loir Dans La Theiere (2)
Le Loir Dans La Theiere (6)
E tra un appuntamento e l’ altro, una mètro ed un autobus, si trova sempre un’ ora (e qualcosa di più) per andare da MERCI.
Per celebrare la settimana della moda di Parigi, Merci ha scelto Raquel Allegra , designer californiana alla sua prima esperienza parigina con la personale “To Live and Dye in L.A”. Un’ installazione piena di poesia che sottolinea l’ amore della stilista per i tessuti e l’ arte di tingerli con toni delicati e femminili.
 Merci (6)
In una delle nostre giornate parigine ci siamo imbattute in un micro negozio che è anche micro ristorantino, L’ Etre Ange nel cuore del Marais in Rue D’ Ormessons 8.
Scoprire questo piccolo universo è stata una fortuna. L’ Etre Ange è un piccolissimo ristorantino-negozio nel quale spicca il grande occhio per lo stile e la cura dei dettagli dei proprietari. Il cibo è divinamente ottimo, la selezione di formaggi lascia senza fiato ed il piatto che ci ha letteralmente stese è stato il loro fantastico Sucré Salé. Ma la caratteristica che distingue questo piccolo locale è che dopo aver mangiato ed ammirato il luogo, potete andarvene con l’ oggetto che vi è rimasto nel cuore: il piatto, il bicchiere dove avete sorseggiato un ottimo vino, la tazza da tè e perchè no, il tavolo attorno al quale vi siete seduti. Un’ idea speciale, un luogo da segnare nel taccuino di viaggio, anche solo per un piccolo stop in una frenetica giornata a Parigi.

L'Etre Ange_Shop&Food (2)
L'Etre Ange_Shop&Food (3)
L'Etre Ange_Shop&Food (4)

Ma quest’ anno non ci siamo fatte mancare nulla, nemmeno una gita fuori porta ma non a Versailles, come d’abitudine si fa quando si è Parigi, bensi a LONDRA, oh yes!
Londra (2)
Londra (7)
Dire Londra è dire troppo, dire Soho è dire il quartiere nel quale ci siamo concentrate.
Soho, quartiere nel West End di Londra dalla doppia vita, iu un mix di stili, dal grunge, alle gallerie d’ arte, per approdare alla moda e al design. Soho è multicultura, anche se questo è il segno distintivo di Londra in generale, qui ha sede il tempio degli Hare Krishna, c’ è una piccola moschea musulmana, ci sono innumerevoli ristorantini etnici e la via più conosciuta della moda degli anni ’60, Carnaby Street, per citare solo una piccola parte di luoghi da vedere ed assaporare, in una giornata di fine settembre.

Un pranzo libanese da Comptoir Libanais , per perdersi in un mondo dai sapori unici e dai colori forti.

Londra (19)
Londra (24)

Il nostro viaggio è quasi giunto al termine e prima di salutare Parigi e rivederla all’ inizio del prossimo anno, abbiamo fatto una visita da Uniqlo Le Marais.
Sul frontone dell’ edificio al 39 rue des Francs-Bourgeois c’è un’iscrizione : Société des Cendres, fonderia d’oro ,di argento e trattamento delle ceneri. Dal 1859 al 2004 qui vi confluivano piccoli gioielli e bigiotteria per essere fusi e ricavarne oro,argento e platino. Infatti Uniqlo è spettacolare per la struttura, rimasta in molte parti originale e ricca di quel fascino di un passato che rimane parte di un presente e segno distintivo di una città che lascia e lascerà il  segno, toujours.
 Nuovo Uniqlo_Marais (1)
Salutare Parigi senza una pausa dolce sarebbe stato un bel “dommage”!
Così Rachel’s ci ha lasciato il sapore dolce in bocca a conclusione di cinque giorni che ogni anno ci arricchiscono di esperienza, di sapori, di bellezza, di sapere, di emozioni, di moda e di vita vissuta pienamente.
Da provare assolutamente questi dolci, premiati con “Le palmarès des meilleurs cheesecakes de Paris”, provare per credere!!!
 
Rachel's (3)
Rachel's (4)
Rachel's (2)
Au revoir Paris, bisous!!
Grazie alla mia compagna di viaggio Federica Rossetti, autrice, tra l’ altro,  di queste meravigliose foto.